Politica interna

Di Battista: “i vitalizi non erano poi male”. Ancora una retromarcia fra i cinque stelle

dibba

Dopo l’appoggio di Grillo al manifesto pro-scienza, il via libera alle trivelle e alla TAP e il salvataggio della CARIGE, un altro passo indietro destinato a far discutere

(ANSJA) – Roma.  Non si sono ancora spente le polemiche successive all’appoggio da parte di Beppe Grillo al manifesto del virologo Burioni a favore della scienza che un altro fronte si apre all’interno del M5S, aperto da uno dei suoi esponenti di spicco, quel Di Battista che da sempre rappresenta l’ala più oltranzista del movimento.

Intervistato dal quotidiano colombiano “El Campesino loco”, Di Battista si è lasciato andare ad un panegirico in favore del vitalizio ai parlamentari, abolito di recente dalla maggioranza giallo-verde, affermando che si trattava di una misura saggia voluta dai padri costituenti volta a garantire ai politici libertà di coscienza e autonomia di pensiero, caratteristiche ormai scomparse e di cui si sente un gran bisogno.

I commenti sui social non si sono fatti attendere. I fan di “Dibba” si sono schierati al suo fianco, arrivando ad auspicare il ritorno del finanziamento pubblico dei partiti, mentre gli “haters” hanno sono arrivati ad augurare a Di Battista di morire straziato da una pressa sotto gli occhi impauriti ed impotenti di sua moglie e i suoi figli.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...