Attualità

Non solo buste: da febbraio carrelli per la spesa a pagamento.

L’euro che si inserisce per fare la spesa non verrà più restituito

(ADN-KONOS) – La riforma era ormai nell’aria anche se si stentava a credere che non si trattasse dell’ennesima fake-news. Sta di fatto che il governo ha recepito l’ennesima direttiva europea in materia di commercio nella grande distribuzione, rendendo operativa a partire dal primo febbraio la norma che impone di considerare l’utilizzo di carrelli per la spesa un noleggio a breve termine di mezzo su ruote e di conseguenza sottoporlo a tassazione. I supermercati a questo punto non potranno fare altro che adeguarsi, rendendo non più restituibile la moneta da uno o due euro che viene normalmente utilizzata per sganciare un carrello da quello precedente in modo da poterlo utilizzare per la spesa. Le associazioni dei consumatori chiamano già alla rivolta civile, invitando i clienti dei supermercati ad utilizzare per lo shopping mezzi alternativi come carrelli fatti in casa con assi di legno grezzo e cuscinetti a sfere o minicar senza patente. Intanto sono già disponibili delle app per cellulari che consentono il cosiddetto trolley-sharing come YouTroll o Trolluber

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...