Attualità · Esteri

Prime rappresaglie contro il divieto di “Burkini”. Niente micro tanga sulle spiagge dello Yemen.

Dura presa di posizione del governo di Sana’a nei confronti dell’occidente in risposta al divieto di indossare il Burkini sulle spiagge francesi.

ADSL-KROMOS. Come era facile aspettarsi non si sono fatte attendere le prime dure reazioni da parte degli Stati islamici più integralisti in risposta alle ordinanze di numerosi sindaci francesi che vietano di indossare il cosiddetto “burkini” sulle loro spiagge. Il primo ministro dello Yemen ha infatti annunciato ufficialmente un giro di vite sugli usi e costumi di frequentatori e frequentatrici delle spiagge nazionali, proclamando che sarà bandito in tutti gli stabilimenti balneari del Paese l’uso dei micro tanga dai colori fluo, così tanto in voga in Europa. Allo stesso modo, vietati a tempo indeterminato perizoma a filo interdentale e topless. Destinato a far discutere anche il divieto di applicare copricapezzoli con o senza pendenti e per gli uomini il divieto di indossare lo slip verde fluorescente alla “Borat” o il modello a calzino stile “Red Hot Chili Peppers”.

Da più parti in Europa si annuncia una levata di scudi in difesa dei valori dell’occidente, ancora una volta calpestati dall’Islam più retrogrado e oltranzista. In Italia Salvini ha già annunciato un ironico “Birikini Day”, organizzato sulle spiagge di Milano Marittima, dove parteciperà ad una partita di beach volley coperto dal solo costumino fatto a uncinetto a trama larga dalla compagna Elisa Isoardi.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...